•  SEO per e-commerce: le regole d'oro   | calicant.us

    SEO per e-commerce: le regole d'oro

12 Ottobre 2017

SEO per e-commerce: le regole d'oro

L'importanza dell'ottimizzazione per far salire ranking e conversioni

Per chi sogna di aumentare le vendite, la progettazione di un e-shop e la sua realizzazione sono ottimi punti di partenza, ma non bastano a garantire visibilità e guadagni. Per riuscire a distinguersi dai concorrenti, servono vantaggi competitivi, e ottimizzare il sito per i motori di ricerca è uno dei più importanti. In questo articolo vi spieghiamo come ottenerlo.

5 strategie di digital marketing che si fanno amare da utenti e motori

Per posizionarsi nelle SERP, la prima cosa da fare è creare una sitemap che stabilisca la struttura gerarchica del sito, comunichi gli URL e assicuri l'indicizzazione dei contenuti. L'importante, in questa fase, è non esagerare con livelli e sottocategorie. Ogni prodotto, infatti, va collocato il più vicino possibile all'home page.

La seconda regola d'oro è scegliere con cura le keyword che andranno inserite nelle parti fondamentali delle pagine e, dunque, negli URL, negli Alt tag, nelle Meta Description e nei testi dedicati a brand e prodotti, comprendenti titoli e sottotitoli. Per individuare quelle giuste e meno inflazionate − solitamente a coda lunga − Google Adwords è sicuramente tra gli strumenti migliori. Basta digitare una parola chiave, infatti, e il tool ne suggerisce subito molte altre, mostrando il numero di ricerche mensili e permettendo di rapportarlo alla totalità dei risultati sul web.

In terzo luogo, per emergere nel mare magnum di Internet, bisogna dare il giusto rilievo ai contenuti. La classica formula "Content is king", grazie ai nuovi algoritmi, è sempre più attuale e serve a conquistare non solo gli internauti ma anche i motori di ricerca. C'è chi dice che il blog sia il migliore amico della SEO. È così; ma non bisogna dimenticare, anche: le risorse gratuite come guide ed e-book, le recensioni che mantengono le pagine sempre aggiornate e il tag rel="canonical, da inserire nella sezione head delle categorie prodotto, per evitare penalizzazioni derivanti da testi uguali o molto simili.

Un'ulteriore best practice SEO consiste, poi, nell'assicurarsi un'adeguata quantità di backlink − ovviamente da siti con buona reputazione. L'uso di aggregatori di comunicati stampa e il guest posting sui blog di settore rappresentano le strategie migliori per ottenere questo risultato. Anche i crosslink sono ben visti dai motori e, dunque, andrebbero usati nelle descrizioni di prodotto, avendo cura di evitare anchor text generici come il classico "clicca qui".

Da ultimo, ricordiamo l'importanza di eseguire l'audit del sito. Verificare l'usabilità e la velocità di caricamento delle pagine, correggere o prevenire gli errori − mantenendo online i contenuti indicizzati − sono tutte tattiche vincenti, utili tanto a ridurre la frequenza di rimbalzo quanto a evitare le penalizzazioni.

La squadra di calicant.us, specializzata da anni nel digital marketing per e-commerce, questi trucchi li conosce bene! Affidatevi a noi per far crescere contemporaneamente il vostro ranking e il vostro business.


Valentino Bergamo

Valentino Bergamo

CEO calicant.us

Raccontaci il tuo progetto

Coltiveremo la tua idea per trasformarla in nuove opportunità

Strategie di vendita multicanale

Approfondisci

Digital Marketing

Approfondisci

Progettazione e integrazione e-commerce

Approfondisci